Vita ( Lucio Dalla Gianni Morandi) testo video live

Vita Lucio Dalla Gianni Morandi testo video liveEcco una delle più belle canzoni italiane, scritte da 2 grandi autori di musica italiana e interpretate da 2 enormi cantanti italiani.

Si perché dopo l’ultima canzone di Morandi non potevamo no approfondire questo cantante italiano di cui – ancora – non avevamo parlato.

Mogol e Mario Lavezzi hanno scritto questo pezzo e Gianni Morandi e Lucio Dalla l’hanno portata alla popolarita.

Era il 1988, tempo in cui ancora non c’era stata neanche Italia ’90, tempi in cui la canzone italiana aveva ancora un senso, un peso, un Suo quid.

Non come ora, che in pratica non ha più niente.

Vita Lucio Dalla e Gianni Morandi testo:

  • Vita in te ci credo
  • le nebbie si diradano
  • e oramai ti vedo
  • non è stato facile
  • uscire da un passato che mi ha lavato l’anima
  • fino quasi a renderla un po’ sdrucita
  •  
  • Vita io ti credo
  • tu così purissima
  • da non sapere il modo
  • l’arte di difendermi
  • e cosi ho vissuto quasi rotolandomi
  • per non dover ammettere d’aver perduto
  •  
  • Anche gli angeli capita a volte sai si sporcano
  • ma la sofferenza tocca il limite
  • e cosi cancella tutto e rinasce un fiore sopra un fatto brutto
  • siamo angeli con le rughe un po’ feroci sugli zigomi
  • forse un po’ più stanchi ma più liberi
  • urgenti di un amore, che raggiunge chi lo vuole respirare
  • Vita io ti credo
  • dopo che ho guardato a lungo, adesso io mi siedo
  • non ci son rivincite, né dubbi né incertezze
  • ora il fondo è limpido, ora ascolto immobile le tue carezze
  •  
  • Anche gli angeli capita a volte sai si sporcano
  • ma la sofferenza tocca il limite e cosi cancella tutto
  • e rinasce un fiore sopra un fatto brutto
  • siamo angeli con le rughe un po’ feroci sugli zigomi
  • forse un po’ più stanchi ma più liberi
  • urgenti di un amore, che raggiunge chi lo vuole respirare.
Vita ( Lucio Dalla Gianni Morandi) testo video liveultima modifica: 2013-07-20T20:19:03+00:00da blogmaster70
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento