LA COLLINA DEI CILIEGI – BATTISTI – TESTO VIDEO

la collina dei ciliegi battistiQuesta è un’altra delle più belle canzoni italiane e dobbiamo ringraziare Lucio Battisti per averla pubblicata.

Fa parte ancora dell’album Il Nostro caro Angelo, ma qui, oltre al magnifico crescendo musicale, Rapetti si è superato con le parole, termini come ‘boschi di braccia tese‘, sono diventate espressioni poetiche di uso comune nella lingua italiana e ormai sono patrimonio della Nostra cultura, proprio come certe espressioni della Divina Commedia o dei Promessi Sposi, forse dobbiamo più a questi due artisti che ai tanti politici italiani se abbiamo uno spirito nazionale condiviso, certamente Battisti, per esprimere la propria musica, ha fatto anche questo….


Testo: La collina dei ciliegi – Battisti – Mogol

  • E se davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più fragrante
  • cancella col coraggio quella supplica dagli occhi
  • troppo spesso la saggezza è solamente la prudenza più stagnante
  • e quasi sempre dietro la collina è il sole
  • Ma perché
  • tu non ti vuoi
  • azzurra e lucente
  • ma perché tu non vuoi
  • spaziare con me
  • volando contro la tradizione
  • come un colombo intorno a un pallone
  • frenato e con un colpo di becco bene aggiustato forato e lui giù giù giù
  • e noi ancora ancor più su
  • planando sopra boschi di braccia tese
  • un sorriso che non ha
  • né più un volto né più un’età
  • e respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini 
  • ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini
  • e più in alto e più in là
  • se chiudi gli occhi un istante 
  • ora figli dell’immensità
  • Se segui la mia mente se segui la mia mente
  • abbandoni facilmente le antiche gelosie
  • ma non ti accorgi che è solo la paura che inquina e uccide i sentimenti
  • le anime non hanno sesso né sono mie 
  • Non non temere tu non sarai preda dei venti
  • ma perché non mi dai la tua mano perché potremmo correre sulla collina
  • e fra i ciliegi veder la mattina che giorno è 
  • E dando un calcio ad un sasso residuo d’inferno e farlo rotolar giù giù giù
  • e noi ancora ancor più su 
  • planando sopra boschi di braccia tese
  • un sorriso che non ha né più un volto né più un’età
  • e respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini
  • ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini
  • e più in alto e più in là ora figli dell’immensità 

 

 

 

LA COLLINA DEI CILIEGI – BATTISTI – TESTO VIDEOultima modifica: 2012-07-31T01:43:00+00:00da blogmaster70
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento