Cavallo Bianco Matia Bazar testo-video (Live ’80)

Iniziamo oggi un’escursus all’interno della musica di una delle migliori Band italiane cavallo bianco matia bazar degli anni ’70 ed ’80: i Matia Bazar.

I Matia Bazar non sono sempre quelli che vediamo in questi ultimi anni, una specie di Band Cover di se stessi, ma sono stati uno dei gruppi italiani che più hanno fatto ricerca e sperimentazione, innovando la musica pop italiana.

Dal Rock Prog, al Rock Melodico, alla musica elettronica, ai video musicali, sono sempre stati un passo avanti, con una cantante considerata la migliore cantante italiana di sempre – si migliore di Mina – sia per estensione vocale che per tecnica – ma in quest’ultima affermazioni personalmente avrei da ridire.

Ma di Antonella Ruggiero ne parleremo più approfonditamente in un altro post, intanto ecco Cavallo Bianco, uno dei primi successi dei Matia Bazar, live, 1980, per chi non conoscesse questo pezzo consiglio di ascoltarlo tutto, almeno un paio di volte: la prima per sentire dove può arrivare la voce di Antonella, la seconda per ‘sentire’ quello che dice il testo, molto, molto interpretabile, come significato… stupenda: 


Testo Cavallo Bianco Matia Bazar:

  • In silenzio muore il sole in cielo un nuovo giorno se ne va 
  • Passa e va, per la sua strada 
  • Un cavallo bianco come un velo via da qui ci porterà 
  • Ci insegnerà la nuova strada 
  • Anche il canto dell’aurora  muto ormai 
  • Tace il mare, il vento tutto intorno a noi 
  • Ma nel risveglio come un eco corre e va 
  • Un dolce canto di emozioni in libertà 
  • Corre quel cavallo bianco in cielo guarda dove arriverà 
  • Se arriverà, alla sua meta 
  • Tra le nuvole del cielo porterà 
  • Il calore delle stelle su di noi 
  • Ma nel risveglio 
  • La mia mente corre e va 
  • Per strade arcane e infinite, senza età 
  • E le tue mani suonano dolci note per me 
  • Seguendo un canto che ormai limiti non ha

Cavallo Bianco Matia Bazar testo-video (Live ’80)ultima modifica: 2012-03-16T19:48:00+00:00da blogmaster70
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento